mercoledì 6 febbraio 2008

Pelo e contropelo


Stamani in ufficio si discuteva con le colleghe di quanto sia dispendioso sia in termini di tempo che di danaro ricorrere all'estetista per la ceretta: diciamocelo chiaro quante di noi possono fare a meno di questa tortura con l'avvicinarsi della primavera? Si, esistono metodi alternativi tipo il rasoio o la crema, ma nel primo caso dopo due giorni se il tuo gentil consorte in vena di tenerezza azzarda ad accarezzarti il polpaccio si ritrova urticato come se toccasse un campo di carciofi, e, nella seconda ipotesi l'odore di uova marce regna in casa per non meno di un paio di giorni e hai voglia a darla ad intendere che non è puzza, ma profumo!!!


Così nel disquisire su un argomento di cotanta rilevanza sociale...ecco che improvvisamente a qualcuno viene in mente di creare un prototipo innovativo e rivoluzionario per estirpare peli superflui alla radice: il pantacollant con all'interno la miracolosa cera liberatrice!!!


Consterebbe di un pantacollant monouso di materiale plastico al cui interno si trova spalmato un generoso quantitativo di cera depilatoria a freddo. Si indossa rapidamente e, con il calore del corpo la cera raggiunge la temperatura efficace per lo sradicamento. Si lascia agire un paio di minuti e, se si ha fretta, ci si dà una phonata al massimo del calore e poi, naturalmente con l'intervento di qualche amica collaborativa, (d'altronde le amiche a che servono???) ci si fa sfilare in un sol colpo secco il miracoloso mutandone! Vuoi mettere l'efficacia di un così rivoluzionario metodo di depilazione? Altro che laser, ultraqui e ultralà...quello che ci vuole è il mutandone! Certo il colpo deve essere secco e deciso e, se lo fosse troppo, e l'amica ricevesse da voi un calcione nel mento mentre fa la manovra...ecchessarà mai?!? Gli amici veri non badano a queste cose e poi di prototipo trattasi, con calma potrà essere migliorato! Anche chi ha inventato l'aereoplano le prime volte avrà ben fallito...poi col tempo....

Immaginate le vostre gambe, gli inguini e quant'altro come saranno con un solo e unico SSSTRAP! E se la cosa funzionasse, e sicuramente sarà così (!!!!!) nulla vieta di estendere la produzione anche ad uno scafandro con le stesse identiche caratteristiche per i casi più disperati! Voi che ne dite?

4 commenti:

zidora ha detto...

Ti comunico che sono cascata dalla sedia dalle risate, e ora mi risiedo e commento. Primo: tra le "amiche" che dovrebbero aiutarti, sono compresa pure io? Vorrei saperlo perchè così mi imbottisco un po' onde evitare colpi "bassi". Secondo: per "casi disperati" intendi quel che penso io? Lupo Alberto? ahahahahahaha a lui si che servirebbe lo scafandro (specialmente sulle orecchie) ahahahahahah. Terzo: ti avviso che farò un post con un collegamento a questo perchè quelli che mi conoscono devono sapere con chi ho a che fare tutti i giorni... ihihihihihi
Sei una grande! Bacini bacetti

hantrax ha detto...

Arrivo a te, passando da Zi'.

Leggendo mi sono immaginato la scena...

in tre che ...strappano il mutandone
e la radio a manetta per coprire l' urlo.... teribbbbbbile
grande idea!
:-))
Ezio

grigietta ha detto...

forse come gagdet devono mettere una spugna da mettere in bocca...
grigietta.

sachertorte ha detto...

@zidora: Certo tu sarai la sfilatrice del mutandone in fase addrittura di collaudo;
@hantrax: approvo la radio a manetta; la mia idea iniziale era di far cantare "L'amico è" all'amico esptirpatore!!!, ma, onestamente mi sembra troppo!!!;
@grigietta: anche la spugna in bocca non è male: specie nel caso che l'estirpatore che dovrebbe cantare fosse stonato!!!!