giovedì 11 febbraio 2010

L'importante è scrivere!


Questo è un post del tutto di sfogo...anzi di sfogo no...non ho nulla da sfogare...se non una irrefrenabile voglia di scrivere qualcosa...qualunque cosa, senza una vera ragione per farlo se non quella di realizzare un momentaneo desiderio. Strana, vero? Essì...in effetti non ho nulla da postare sul fronte hobbistico, non ho nulla di rilevante da raccontare, non ho argomenti interessanti da proporre...quindi scrivo questo post solo per il mio smodato gusto di farlo.
Sono in attesa dell'arrivo di Nefertari che mi viene a recuperare per andare a Teatro...stasera in cartellone c'è "Filomena Marturano" con Luca de Filippo e Lina Sastri...sono stata in forse fino a qualche minuto fa sull'andare o meno...visto che ho la testa chiusa in una morsa da stamattina alle 11 e non c'è verso di smollare la tenaglia...sinusite e cervicale assieme...avete idea?...praticamente il mio testone non ha un cm quadrato che non sia dolente...ma stasera mi "faccio" di Novalgina o di Nimesulide e vado...nonostante un tempo da Cime Tempestose si stia abbattendo su questa, già fin troppo abbattuta di suo, mia città.
Dicevo sono in attesa del recupero relitto (io) da parte della mia traghettatrice (Nefertari) e ho voglia di scrivere...e mentre scrivo penso a cosa mi posso mettere addosso per uscire: la temperatura polare esterna fa a pugni con quella tropicale dell'interno del teatro, quindi sarà sicuramente un abbigliamento a cipolla...da Siberia sopra e da Equatore sotto...e penso pure se mi conviene mettere qualcosa sotto i denti...anche se mi sembra di fare merenda visto che ho pranzato alle 14.30...quante cose contemporaneamente...non ci avevo mai fatto caso...quanto un minuto di vita sia così pieno di tanti pensieri...piccoli pensieri se visti uno per uno...ma che tutti assieme fanno comunque volume...e mi viene anche da domandarmi "ma posso scrivere tutte queste belinate" solo perchè ho voglia di smanettare sulla tastiera ? ...e insieme mi chiedo anche..."ma non potevi scrivere su un foglio e buttare tutto nel bidone della carta, una volta che ti eri sfogata in modo da non sputtanarti con chi pensa, forse, che tu sia una persona normale?"...
E' vero...è tutto vero...ma se questo deve essere un luogo mio...in cui io sono io...un luogo dove la mia "normalità" va a corrente alternata, ma comunque dove sono "vera davvero"...ecco mi chiedo...perchè no???
E visto che prima di chiudere la "sinfonia" logorroica e scribacchina che mi è presa, mi è pure venuto in mente che sono rimasta senza latte e senza limoni...ebbene...beh...no... non scrivo qui anche la lista della spesa...sarà però meglio che vi saluti, che mi scusi per questo post da persona "poco dentro", e che vada a segnare su un post it che domani ASSOLUTAMENTE bisogna passare al super a comprare latte e limoni.
Un caro saluto a tutte! Alla prossima, Sachertorte

10 commenti:

Margherita ha detto...

Carinissimo il post!! E' così bello essere così spontanee, così naturali!!!
Buon teatro e che sti mal di testa se ve ne vada con il brutto tempo.
Ciao
Margherita

Milli ha detto...

Ciao stella....mi piace un sacco leggere i tuoi pensieri...ti sento meno lontano, mi sembra quasi di essere lì a chiacchierare con te....veramente spero che riusciremo presto a farlo, ma nell'attesa che questo tempo si normalizzi un pò...è bello anche "parlarsi" così..
Un mega bacio
Milli

francesca ha detto...

guarda Nadia che questo post mi è piaciuto un sacco, hai parlato a noi che ti leggiamo, a cuore aperto proprio come se fossimo tutte lì ad ascoltare quello che ti passava per la testa in quel momento!! e poi quando scrivi così di getto, è un vero piacere leggerti, scrivi così bene!
spero che la commedia vi sia piaciuta e che la morsa alla testa sia passata, sapessi quanto ti capisco....
un bacio e buon w e
ah, sai che ieri sera è nevicato anche qui??

Nicoletta (Kiky) ha detto...

Innanzitutto io penso che il blog è di chi lo apre - o gestisce, che dir si voglia, e proprio poer questo una persona ci scrive e pubblica quello che desidera o che si sente, in assoluta e totale libertà. Se poi a qualcuno non interessa o non piace, padronissimo di non leggere o di non commentare.
Un blog è un'espressione di sé e io non credo che una persona sia monolitica: abbiamo momenti seri e momenti leggeri, momenti di pianto o malessere e momenti di sorrisi e allegria, momenti "impegnati" e interessanti e altri futili e pure un po' superficiali. Siamo noi, e il nostro blog ci rispecchia.
Chiarito questo, per me è comunque un piacere leggerti: spero che Filumena ti sia piaciuta, che il mal di testa ti abbia dato un po' di tregua, ma soprattutto che ti sia ricordata di comprare i limoni e il latte! ;-)))
Un abbraccio
Nicoletta

zidora ha detto...

Oh signur! Io te l'ho detto stamattina che la Novalgina fa strani scherzi!!!! ahahahahah Comunque hai ragione, quando si hanno questi momenti, quale posto migliore che la "nostra" casetta web? Qui ci possiamo scrivere tutto e il suo contrario, cose belle e brutte, e tanto, chi non vuol leggere non deve far altro che andarsene... Bella invenzione, vero? :-) A domani, e vediamo se riusciamo ad aggiornare il registro cazzate... ;-)

Nefertari ha detto...

Mamma mia, mi avevi raccontato un sacco di cose,ma non come avevi impiegato il tempo aspettandomi! Forte questo post, soprattutto considerando il fatto che abbiamo proseguito in due sulla stessa linea una volta terminata la commedia. Speriamo che arrivi presto la primavera, che magari riusciamo a darci una regolata.
Ciao!
Grazia

Marm ha detto...

Ho avuto problemi con la connessione ADSL in questi giorni: andava a singulti, ora ero connessa, ora no.
Mi è mancato il nostro mondo. Solo ora ho letto il tuo post "anomalo". No, è un post spontaneo, vero, che ho letto tutto d'un fiato e volentieri come del resto tutti i tuoi reportages di viaggio. Questo non è altro che un reportage del tuo mondo intimo. Grazie di avermi ammesso. Bacioni Donatella

P.S.: Perchè quella magica fetta di torta? Proprio ieri ho ritagliato, a forma di cuore, una foto scattata a Vienna: il retro del fermacarte. Ho voglia di ferie, ho voglia di viaggi...

Katiuscia ha detto...

ecco perchè si apre un blog, perchè si ha il desiderio di dire o esprimere qualcosa! è stato un piacere leggere un pensiero spontaneo e non artificioso, scritto solo per imbambolare chi legge! .......però ora vogliamo sapere com'era lo spettacolo! buon week end, katy

il sapore del verde ha detto...

Sarà che ho talmente spesso una irrefrenabile voglia di scrivere che ti capisco benissimo! Quando mi capita scrivo! Il proprio blog non è forse quell'angolino personale nel quale versare generose dosi di se stesse?... io credo di si!
Un carissimo saluto. Deborah

tarta ha detto...

bello ..... fallo più spesso
quando hai questa voglia irrefrenabile