domenica 6 dicembre 2009

Uno chalet in Pianura Padana

Un po' di settimane fa, sfogliando dei vecchi giornali con ricami natalizi, mi sono imbattuta in uno schema che mi ha particolarmente colpita. Non semplicissimo, ma bello da non farmi soffermare sul tempo che avrei impiegato a ricamarlo in un periodo in cui non ho nemmeno a disposizione il tempo per fare il necessario, mi ha letteralmente conquistata e ho deciso che sarebbe diventato il mio fuoriporta natalizio del 2009.
Il soggetto non è il classico natalizio con Babbi Natali o Snowmen: mi ha affascinata l'ambientazione montana che tanto mi ricorda i miei amati luoghi di vacanza e che, con questo lavoro, ho potuto trasferire almeno sulla tela, sulla porta d'ingresso di casa mia.
Devo dire che sono molto contenta del risultato ottenuto...diciamo che la quantità di diottrie che ho perso per ricamare questa casetta, è stata ampiamente compensata dalla soddisfazione che ho provato nel momento in cui mi sono ritrovata fra le mani il prodotto finito.
E con questo è tutto! Un felice ponte dell'Immacolata e un abbraccio!
Vostra Sachertorte!


12 commenti:

Ely ha detto...

ma è meraviglioso!!!!! vale la perdinta di un pò di diottrie bravissima!!! baci Ely

Simo ha detto...

Ma è splendido!!! meraviglioso!
Che pazienza hai avuto...bravissima!

Marm ha detto...

E' molto bello il tuo chalet ricamato. Sembra una casetta di pan di zucchero... magia della neve. Buona settimana. Donatella

pat ha detto...

e' un vecchio Susanna vero?
L'unica cosa che veramente dovresti fare e' trasferirti qui da noi.....
Ho pubblicato i miei gesseti e ti ho pubblicamente ringraziato
Pat

laura ha detto...

ciao carissima,immagino le diottrie che hai perso nel farlo ,ma ,come dici tu ne e' valsa la pena....
anche io sono anticonvenzionale e cerco di fare dei fuorièporta riginali e nn i classici....mi piace essere "diversa".un ricamo simile ,sicuramente meno laborioso del tuo, l'ho fatto pure io,scegliendo di farlo diventare la mi tenda da cucina natalizia...e quest'anno l'ho tirata fuori e lavata e si e' tutta rovinata...stropicciandosi e perdendo la forma...e' inguardabile,ma io la ho tttta inscocciata alla finestra perche' nn ho il coraggio di buttarla dopo tutta la fatica che ho fatto per confezionarla e ricamarla....
un morso(alla sachertorte)
laura

Luisa ha detto...

Nadia, è bellissima!!!!!!!!!!!!!
Sei molto brava!!
Oggi ti ho pensata, sono riuscita ad acquistare la stufetta e le fragranze natalizie.. complice una gita a Firenze, i mercatini in piazza provenienti dall'Europa e la pazienza di mio marito.. :)
baci
Luisa

Annarita ha detto...

E come non essere orgogliosi di un lavoro cosi bello!!!
Bravissima!!
Annarita

Milli ha detto...

Ma che bello questo cuscinetto!!! E sei stata velocissima a finirlo...ci sono tantissime sfumature e non è per niente semplice!
Un Bacio
Milli

Effeti ha detto...

Succede anche a me di non poter fare a meno di ricamare alcuni schemi appena li ho davanti ed altri invece rimangono per anni ad aspettare...ottima scelta la tua, ci sta a pennello sulla tua porta ed è veramente delizioso!
Un abbraccio.

Fulvia

Nefertari ha detto...

Bello, bello, bello! Del resto lo si intuiva già in corso d'opera, ma una volta finito è un vero capolavoro. Peccato per le diottrie perse, ma ne è valsa la pena.
Grazia

Luisa ha detto...

Fai un salto sul mio blog? Ho caricato un paio di fotine.. :)))

baci
Luisa

marypoppins ha detto...

moooooolto bello Nadia!!
buona giornata
Mary